Stasera andiamo a vedere Luisa Conte. E i napoletani tornarono al Teatro

Stasera andiamo a vedere Luisa Conte. E i napoletani tornarono al Teatro

"Perché ho scritto questo libro? Per necessità. Lo portavo dentro di me da tanto tempo e avrei potuto scriverlo molti anni fa. Ma forse è meglio così: è meglio che l'abbia scritto oggi, dopo che il tempo ha fatto dimenticare le polemiche, rese vane le recriminazioni, sopito i rancori, lasciando intatta una storia durata quasi un quarto di secolo e che ha avuto per protagonisti non solo grandi professionisti, attori, registi, scrittori, tecnici ma anche e soprattutto milioni di spettatori che con la loro entusiastica presenza hanno reso esaltanti ed indimenticabili quegli anni."